Zosimo Wine Critic ed il vino in Romania

Se c’è una nazione che conosco bene, questa è sicuramente la Romania.

Sono arrivato in Romania 30 anni fa, qui ho mosso i miei primi passi, ho iniziato la mia avventura di valorizzazione, investimenti, opportunità nel mondo del Vino.

Ci sono diversi aspetti da considerare quando si tratta di vino e di Romania, vediamoli insieme.

La Romania è tra le prime 10 nazioni europee e tra le 20 nel mondo che produce vino, la sua storia millenaria affonda le radici nella “Dacia”, terra di vino e proprio per questo terra di conquista dei Romani, basti pensare che il nome dell’imperatore “Traiano” è rintracciabile in ogni città del Paese.

I suoi autoctoni, come i vitigni internazionali, fanno da cornice a produzioni sempre più interessanti nel panorama internazionale.

Autoctoni come la “Feteasca” Alba, Regala o Neagra, rappresentano per me un “Brand” per valorizzare e promuovere i vini di questa terra ricca e prosperosa.

Una terra ricca anche da un punto di vista Europeo, la Romania fa parte della UE dal 2007, beneficiando di finanziamenti che vedono come protagonista l’agricoltura.

L’ultimo programma di investimenti rurali per lo sviluppo degli allevatori e agricoltori ammonta a 2,5 Miliardi di euro e la garanzia dello stato è del 90% oltre ad i nuovi contributi PAC.

Maggiori informazioni sono reperibili sul sito del ministero https://www.madr.ro.

Chi lo desidera può anche partecipare alla nostra newsletter periodica sulle opportunità in Romania semplicemente inviando una email a: romania@zosimo.wine indicando la vostra email ed un recapito telefonico di contatto whatsapp.

Un programma così impegnativo in termini di investimenti porterà sempre di più il Paese ad una produzione di maggiore qualità di vino, ad attirare investimenti interni ed esteri e con l’ingresso imminente nell’area Schengen un maggiore scambio merci in Europa.

La Romania è tra i paesi a più grande tasso di penetrazione del vino Italiano.

Lungimiranti cantine hanno visto già da diversi anni l’opportunità del mercato Romeno creando i presupposti per far conoscere gli autoctoni italiani e il flusso migratorio di scambio che negli ultimi decenni ha visto protagonisti sia l’Italia sia la Romania ha fatto tutto il resto.

Un sistema di distribuzione sia verso l’Ho.Re.Ca sia verso la grande distribuzione permette una capillare presenza verso il pubblico, una fiorente costellazione di enoteche, wine bar, bistrot e piccoli distributori urbani permettono a città come Bucarest, Iasi, Cluj Napoca, Pitesti e Constanta la presenza oltre che la presentazione di ogni singolo vino.

L’unità organizzativa della Zosimo Romania Consulting da anni supporta non solo la valorizzazione e la promozione del vino in Romania ma anche il supporto ad investitori sempre maggiori che vedono la grande opportunità in questa nazione.

Zosimo Wine Critic presenta annualmente oltre alla Guida redatta in lingua Romena, una guida sulla “Feteasca” vitigno autoctono romeno, una serie di masterclass dedicate ai vitigni internazionali e tante iniziative territoriali atte a sostenere la conoscenza del vino.

Uno scambio reciproco tra la Romania ed il resto del mondo che permette anche di visitare posti incantevoli oltre ad usufruire di una proposta enoturistica all’avanguardia, i suoi 16 aeroporti interconnessi con le maggiori capitali Europee creano tutte le condizioni per visitarla ed apprezzarla.

Il Vino Chiama… Noi Ci Saremo

Zosimo

Di admin